Gli altri nutrienti essenziali per l’organismo

In questo articolo parliamo di alcuni nutrienti di cui spesso non si parla quando si parla della salute del nostro corpo. In questo articolo vi mostriamo quelli che a nostro avviso sono importanti per la salute.

  1. Colina
  2. Inositolo
  3. Dibencozide
  4. Piruvato
  5. Glicerolo
  6. Efedrina
  7. Caffeina

Colina

La colina è parte della fosfadil colina (contenute nella lecitina ), che è un componente essenziale delle menbrane cellulari per ognuna delle trenta milioni di cellule che formano il nostro corpo.La lecitina emulsiona gli aggregati di colesterolo in microparticelle prevenendo l’arterioscleresi. Nel cervello , la colina forma parte del neurotrasmettitore acetilcolina , necessario per il controllo muscolare , per il giusto tono muscolare e per la memoria.La colina ha dimostrato in alcuni studi di intervenire attivamente nel metabolismo lipidico. La bile produce degli acidi che si uniscono alla colina ed alla taurina per formare i sali biliari , che rendono i grassi solubili per permettere la loro digestione. La colina è indispensabile per la formazione di acetilcolina , un importantissimo neurotrasmettitore.La vitamina B5 partecipa alla trasformazione della colina in acetilcolina.

Inositolo

E’ essenziale per il metabolismo del calcio e dell’insulina. Partecipa al metabolismo degli acidi grassi , impedisce l’accumulo dei grassi nel fegato e nelle arterie e favorisce il lororiassorbimento.Aumenta il volume cellulare con effetti sinergici con altri volumizzatori cellulari.

Inosina

Viene attribuita a questa sostanza la capacità di incrementare l’energia. Non sembra comunque avere un’effettiva utilità. Sconsiglio l’uso di questa sostanza.

Dibencozide

E’ una forma di vitamina B12, senza alcun vantaggio rispetto alla vitamina stessa. Meglio utilizzare la B12.

Piruvato (Calcio Piruvato)

E’ il prodotto finale della glicolisi(metabolismo del glucosio). Questa sostanza si trasforma poi in lattato oppure in acetil Coa. In carenza di ossigeno viene trasformato in lattato, mentre se l’ossigeno è sufficiente viene trasformato in acetil Coa, entra nei mesocondri e può incrementare il livello di ATP. Il piruvato partecipa al processo in cui il glucosio lascia il flusso sanguigno ed entra nelle cellule muscolari, dove viene utilizzato per produrre ATP. In alcuni studi su atleti l’interazione con piruvato ha aumentato significativamente la resistenza muscolare(+20%). In altri studi il piruvato ha aumentato la lipolisi (utilizzo dei grassi a scopo energetico) e diminuita la percentuale di grasso corporeo. Nonostante i primi studi siano stati fatti con 16 grammi di piruvato al giorno, in più recenti studi sono state utilizzate dosi molto più basse(6 gr. al giorno) ottenendo comunque risultati di rilievo, e cioè diminuzione di grasso corporeo, incremento del metabolismo basale e incremento dell’energia e diminuzione del senso di fatica. In aggiunta il piruvato sembra avere azione antiossidante.

Glicerolo o glicerina

E’ una componente dei trigliceridi (glicerolo + acidi grassi= trigliceridi o grassi alimentari). Il glicerolo viene utilizzato normalmente come nutriente, ma solo come additivo per i cibi. Il glicerolo è molto igroscopico, cioè si lega facilmente a molecole d’acqua e le porta con se. Inizialmente questa proprietà è stata utilizzata ij medicina, ultimamente viene utilizzata anche nello sport, per aumentare l’idratazione corporea. Essere bene idratati è fondamentale per ogni atleta e può incrementare sensibilmente le prestazioni. Il glicerolo preso con abbondante acqua prima dell’attività può aumentarne la durata e inoltre potrebbe ridurre l’apporto idrico durante la gara (per atleti che devono affrontare gare di lunga durata). Al momento il glicerolo non è vendibile come nutriente.

Efedrina

L’efedrina, presente in numerose specie vegetali, trova impiego come simpaticomimetico da più di duemila anni. L’assunzione per via orale comporta la liberazione prolungata di catecolamine dai loro siti di depositoc on conseguente effetto cardiotonico, vaso pressorio, broncodilatante e lipolitico. Proibita in ambito sportivo poiché annoverata tra le sostanze dopanti, viene largamente utilizzata come simpaticomimetico a scopo voluttuario, sia per le sue capacità lipolitiche nelle diete alimentari. Dati in possesso della Food and Drug Administration segnalerebbero la pericolosità dell’efedrina a carico del sistema cardiovascolare e del sistema nervoso centrale.

Caffeina

E’ la sostanza contenuta in varie bevande come la coca cola ed il caffè. Non è chiaro se assumere caffeina da sola sia un valido aiuto per bruciare grassi (anche se comunque è una sostanza che accelera il metabolismo, tipo il tè verde). Non v’è dubbio invece che usata insieme ad una sostanza termogenica aumenta le capacità di bruciare i grassi. Da sola o in combinazione è usata per migliorare le performance atletiche perchè riesce ad aumentare la forza e la concentrazione durante l’allenamento. La caffeina mobilita gli acidi grassi per usarli come carburante durante l’esecuzione degli esercizi ,risparmiando così le scorte di glicogeno muscolare. Così gli atleti possono beneficiare di riserve energetiche più durature e quindi allenarsi più intensamente e più a lungo. L’effetto della caffeina è più marcato quando non si è abituali consumatori di caffè o bevande che lo contengono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.