Si può bere l’acqua del rubinetto

  1. Comprare acqua in bottiglia o no?
  2. La situazione italiana
  3. e se l’acqua ha un sapore strano?
  4. I sistemi filtranti

Nel mondo vengono prodotte e si consumano annualmente oltre 120 miliardi di litri di acqua confezionata, venduta principalmente dalla grande distribuzione mentre l’acqua del rubinetto viene consumata principalmente nelle grandi città dove si a certezza della qualità dell’acqua.

Con oltre 11 miliardi di litri in bottiglia prodotti nel 2002 l’italia è il più importante produttore europeo di acque confezionate.


In italia acquistano si consumano annualmente oltre 120 miliardi di litri di acqua confezionata. Con oltre 11 miliardi di litri prodotti nel 2002 l’italia è il più importante produttore europeo di acque confezionate (“saporita”).

Ma perchè spendere soldi per avere qualcosa che possiamo avere ad un costo molto basso ?

Il problema di certo non è solo quello dei costi, ma riguarda anche la qualità cioè, siete proprio sicuri che l’acqua che acquistate sia più salutare di quella del vostro rubinetto di sicuro è che le acque “pubbliche“ per legge sono sottoposte a duri e frequenti controlli da parte delle autorità sanitarie, mentre le sorgenti di acqua private non hanno la stessa attenzione.

Inoltre bisogna stare ben attenti al tipo di acqua che si compra: con molti minerali, con poco/tanto sodio e via dicendo, poichè le concentrazioni saline possono influire anche sulla nostra salute (vedi ipertensione o pressione bassa).

La situazione in Italia

In Italia, siamo fortunati dato che in più dell’85% dei casi attingiamo ad acque sotterranee e solitamente molto protette e controllate. L’attuale normativa europea, ben applicata nel nostro paese, inoltre, prevede un controllo costante, con milioni di analisi all’anno, di 50 parametri chimici e microbiologici.

La conformità si registra in più del 99% delle misurazioni mentre i rari casi in cui non vi è conformità riguardano la presenza di elementi chimici, come l’arsenico, naturalmente contenuti nella falda acquifera e legati alle caratteristiche del nostro territorio, ad esempio all’origine vulcanica di alcuni suoli.

Quindi, l’acqua del rubinetto può essere bevuta senza rischi; nel caso in cui però nel vostro quartiere o nella vostra città l’acqua non sembra essere proprio sana, potete affidarvi alla ASL di competenza per effettuare delle analisi in laboratorio.

Come comportarsi se l’acqua presenta un forte sapore/odore di cloro? 

Il cloro viene aggiunto all’acqua solo quando c’è il rischio di contaminazioni organiche. Nel caso dell’acqua di falda il rischio è praticamente assente. Ma questa sostanza viene aggiunta preventivamente quando vengono realizzati interventi sulle tubature dell’acquedotto. 

In tutti i casi in cui il sapore dell’acqua è molto forte oppure l’acqua corrente presenta molto calcare o ha un sapore non molto gradevole, è possibile ricorrere ai cosidetti sistemi filtranti.

I sistemi filtranti in commercio

Esistono in commercio alcuni sistemi per il filtraggio dell’acqua corrente. Tra i più comuni e senza alcun tipo di installazione ricordiamo le brocche filtranti.

Sono delle semplici blocche in plastica ricaricabili con l’acqua del rubinetto che contengono al loro interno un filtro composto da sostanze naturali le quali per lo più filtrano metalli pesanti, cloro, calcare ed eliminano gli odori presenti nell’acqua.

Potete acquistare la vostra brocca su amazon -> https://amzn.to/348YnGu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.